movicar_banner

Yoga e donne: menopausa è bello? – seconda parte

Written by
donne yoga menopausa artemegliovivere

Yoga e donne: menopausa è bello?

-seconda parte-

Ecco la seconda parte che avevo promesso sull’approfondimento di un argomento “misterioso” per alcuni versi, e “snervante” per altri, come è la menopausa. Prima di iniziare a leggere questo articolo, se non l’hai ancora fatto, dai un’occhiata all’articolo introduttivo Yoga/Pilates e menopausa… proviamoci! PRIMA PARTE. Da questo primo articolo, dove elenco anche una serie di disturbi diversi e confusi che maltrattano la quotidianità delle donne, capirai che il mio intento non è quello di demonizzare un periodo di vita delicato come la menopausa con profezie catastrofiche e deprimenti, ahimè, i dati fisiologici parlano già da soli senza bisogno di enfatizzarli… bensì quello di cambiare la prospettiva nel guardarla, non dico esaltandola, ma rintracciando ciò che di buono la menopausa può offrire e ciò che di buono si può fare non solo con lo yoga ma anche conquistando l’atteggiamento giusto!

Se sei tra le donne ultra quarantenni sicuramente ti interesserà leggere, ma anche se il ponte che ti separa dal fatidico momento è ancora lungo, potrebbe esserti utile capire certi meccanismi inevitabili e le variazioni sul tema menopausa per arrivare preparata, consapevole, informata e magari anche allenata grazie allo yoga. Insomma, viva la prevenzione se ci evita di andare fuori di testa.

I primi campanelli della menopausa

I primi campanelli di un cambiamento fisiologico e ormonale in atto possono arrivare intorno ai 42/43 anni. Gli eventi responsabili della trasformazione e transizione nel periodo noto come climaterio, ricco di disturbi vari, eterogenei e talvolta bizzarri (per approfondire leggi il mio articolo precedente) sono tre grandi esodi: quello degli estrogeni, del progesterone e dei follicoli ovarici; a cui si aggiunge una sorta di “indifferenza” alla stimolazione dell’ipofisi (ghiandola endocrina situata nel cranio che regola la funzione ovarica). In sostanza si passa da una fase “lunare” legata alla fertilità e alla procreazione ad un ritmo “solare” che continua a creare, ma non più sul piano materiale ed esterno, bensì interiore, rivolto all’ascolto e all’affermazione e realizzazione di sè. In altre parole l’energia creativa, l’interesse e l’attenzione si sposta verso di noi.

Nello yoga il centro del fuoco o del sole a cui corrisponde la menopausa è Manipura, il terzo centro energetico (o chakra) simboleggiato dal colore giallo che si trova nella zona del plesso solare, tra l’ombelico e lo sterno. E non è un caso che in questo periodo si sperimentino grandi vampate di calore e problemi digestivi.

Un altro cambiamento visibile è nella vista, (organo guarda caso collegato a Manipura): le cose lontane si vedono più nitidamente mentre per quelle vicine s’inizia ad aver bisogno degli occhiali.

Quanto durano i sintomi?

Possono durare in media 5 anni, normalmente dopo questo periodo le donne ritrovano il proprio equilibrio. Per molte donne i sintomi sono moderati, mentre per una percentuale minore possono essere lievi o addirittura assenti, oppure, gravi.

Ci sono aspetti positivi nella menopausa?

Ci sono… anche se per vederli occorre in effetti cambiare prospettiva e atteggiamento:

  • se la vista si modifica, simbolicamente ci permette di “guardare meglio” da lontano, avere una maggiore visione d’insieme, non perdere tempo dietro a dettagli inutili, prendere la giusta distanza perchè “ci vediamo lungo”…
  • la menopausa è riconosciuta dallo yoga come l’età giusta della vera yogini. Cosa significa?
  • Significa che le donne, staccandosi dalla loro naturale ciclicità e oscillazione ormonale, sono più portate e proiettate all’ascolto di sè tranquillo, da esercitare finalmente con una continuità e stabilità sia fisica che emotiva.
  • Significa che anche nella pratica dello yoga compaiono aspetti del tutto nuovi: scompaiono per esempio le controindicazioni presenti nel periodo fertile, durante la fase ovulatoria e del ciclo per eseguire alcune posizioni di equilibrio e le capovolte che, di conseguenza, possono essere eseguite con più fermezza, continuità e con un maggior aspetto meditativo e di ricerca nello “starci”.

Nel terzo articolo parliamo delle posizioni yoga più adatte durante la menopausa e proponiamo una video sequenza come esempio di pratica mirata.

A presto,

Simona Brancati

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sui nuovi contenuti.

Article Categories:
Pilates · Yoga

Comments

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × quattro =